Scarafaggi: liberarsene è un fatto di salute

Siamo del tutto sinceri: probabilmente nessuno si oppone, in alcun modo, alla disinfestazione scarafaggi. Sono insetti per i quali proviamo tutti un istintivo senso di disgusto; forse si tratta del loro aspetto, piatto e lucido, forse del modo in cui si muovono e si sparpagliano per il pavimento, cercando un nascondiglio, quando si accende improvvisamente una luce, o forse è il fatto che sappiamo che vivono nella sporcizia, ma ad ogni modo il fatto resta quello: vederli ci ispira tanto ribrezzo che nessuno di noi deve essere convinto che è meglio eliminarli, idealmente con l’aiuto di un’azienda specializzata come Gruppo Indaco.

Quello che però forse non tutti sappiamo è che, oltre a questo orrore istintivo, ci sono molte altre ottime ragioni per volersi liberare degli scarafaggi. E la principale fra queste riveste un’importanza assoluta, perché ha a che vedere con la nostra salute, e con il modo in cui la presenza stessa degli scarafaggi la mette in pericolo. È infatti stato ampiamente dimostrato, sia sul campo che con precisi test nei laboratori, che gli scarafaggi sono portatori di un numero altissimo di parassiti e di germi patogeni, e sono quindi una effettiva minaccia.

Fra le malattie che possono essere causate dai germi portati da questi insetti ci sono colera, poliomielite, dissenterie e botulismo, perfino febbri tifoidi e, si sospetta, epatiti. Ma non è tutto: lo scarafaggio trasporta, o nel suo tratto digerente o sulla superficie del suo corpo, anche uova di elminti (come la tenia, il famoso “verme solitario”) e protozoi come l’ameba e il toxoplasma, che possono a loro volta essere causa di gravi malattie.

E per finire, perfino le deiezioni e la saliva degli scarafaggi contengono allergeni che possono causare malattie respiratorie. È perciò evidente che la lotta agli scarafaggi non è soltanto una questione di decoro o istintivo ribrezzo, ma ha radici scientifiche serissime e va condotta con la massima serietà: ne va della nostra salute.