Le professioni del prossimo futuro

Secondo le previsioni di alcuni dei principali centri studi che si occupano del campo lavorativo, le professioni che tra 20 anni hanno le maggiori probabilità di essere le più gettonate nei paesi industrializzati sono molteplici e non tutti scontati come si possa pensare; i settori più all’avanguardia richiedono però conoscenze in ambito tecnologico.
Tuttavia, contrariamente quando si possa pensare, un ampio sviluppo lo avrà anche l’ambito della green economy e anche la più tradizionale assistenza alla persona strettamente correlato all’attuale invecchiamento della popolazione.
In ogni caso la vera chiave del futuro è l’adattabilità, il mercato globale cambia costantemente adesso e ciò non può far altro che accadere in maniera più evidente dopo, per questo è importante cercare di sviluppare quante più capacità possibili al fine di trovare il proprio spazio nel mondo del lavoro e la necessaria soddisfazione che dovrebbe derivare dal lavoro.
Statistiche statunitensi
Gli Stati Uniti, da sempre, sono il paese all’avanguardia nelle proiezioni ed è per questo che il Bureau of labor statistics del dipartimento del Lavoro ogni dieci/vent’anni, si occupa di prevedere quali mestieri e settori avranno una crescita rapida, stimando il numero di posti che potrà essere disponibili, le carriere su cui puntare e allo stesso tempo ciò che invece subirà un netto declino.
Probabilmente è per questo che molti desiderano trasferirsi qui sia per studiare che per lavorare, la tendenza che ha preso vita già negli anni ’20 per poi intensificarsi negli anni ’50 e che non ha mai smesso tanto che attualmente ci si rivolge a chi di dovere per ottenere il tanto agognato permesso di soggiorno; se è anche il vostro desiderio rivolgetevi allo Studio Legale Carlo Castaldi oppure andate sul sito www.studiolegalecarlocastaldi.com.
La classifica
La classifica dei cinquanta lavori più richiesti in America nei prossimi decenni vede al primo posto l’infermiera, una professione sicuramente non nuova ma sempre più necessaria dato l’invecchiamento della popolazione ma anche per motivi legati al fatto che sì, si vive di più, ma ci si ammala spesso.
A tale settore non possono che essere correlati quelli riguardanti la ricerca scientifica che comprende sia i farmaci che i macchinari utilizzati (robotica, biotecnologie) da cui hanno origine molti mestieri.
Nell’ambito della realtà aumentata, ad esempio, avanza la figura del “digital architect”, un evoluzione del moderno architetto che però disegnerà degli edifici virtuali e quindi utilizzerà le nuove tecnologie per creare i propri progetti in 3D, rendendone più vantaggiosa la realizzazione.